Lillo Giuliana
Nasce a Caltanissetta nel 1953, città in cui vive ed opera. Ha iniziato la sua attività artistica seguendo il linguaggio della pittura materica, fino ad arrivare all’acquisizione di quelle nozioni che gli sono servite per arrivare a concepire la pratica delle installazioni, della scultura ed alla progettazione e realizzazione di scenografie per il teatro, affermandosi con un suo personale linguaggio artistico. Il suo interesse per la spazialità, la materia, e la conoscenza del geometrismo dei segni, lo conduce attualmente alla ricerca che lui definisce “scrittura come scultura. La sua ricerca artistica lo ha portato a sviluppare un modo di scolpire caratterizzato da un grande rigore compositivo; nelle sue sculture infatti realizza equilibri e ritmi raffinati che sembrano comporsi nel gioco delle forme geometriche che vengono a costituire piani, superfici, volumi e vari livelli di visione. Per le sue composizioni Lillo Giuliana sceglie forme geometriche minimali, assemblate attraverso sovrapposizioni di superfici che mentre mettono in risalto il loro dimensionarsi nello spazio esterno, lasciano intravedere una loro parte interna, nascosta, comunque misteriosa e presente, mai completamente conoscibile. Le forme che predilige sono il quadrato, il triangolo, il cerchio, che mettono in evidenza il desiderio dell’artista, non tanto di creare relazioni tra piani e levigate superfici, quando di penetrare all’interno della materia che, attraverso il gioco del comporre, rivela una sua parte interna tutta da scoprire. Svolge la sua attività espositiva da parecchi anni, partecipando a varie manifestazioni culturali, mostre personali e collettive. Alcune sue opere monumentali, sono collocate in diverse città, altre opere figurano presso importanti collezioni pubbliche e private. Il suo curriculum è arricchito dalla presenza alla 52° Biennale di Venezia, all’interno del progetto “camera 312. Promemoria per Pierre” dedicato al critico d’arte francese Pierre Restany.
Attualmente sta lavorando per la Fondazione Fiumana d’arte di Antonio Presti alla creazione de La porta della bellezza sul tema della Grande Madre, a cura di Ornella Fazzina, nel quartiere catanese di Librino. Tra le sue recenti mostre citiamo:
200 artisti per 100 anni, Palazzo del Governo, Siracusa, 2006
Arteria 06, Esposicion Internacional Arte Contemporaneo-SICILArt, Monzòn (Spagna), 2006
Metamorfosi del Libro, Galleria Il Gabbiano, La Spezia, 2006
Vaso d’artista, a cura di E. Angiuoni, Hotel Civita, Avellino, 2006 - 2007
«…e vennero da lontano», a cura di V. Sozzi e M. Apa, Chiostro del Convento Francescano di S. Spirito, Canicattì (AG), 2006 - 2007
Poco meno degli Angeli, Le Ciminiere, Catania, 2006
Agatarte, a cura di F. Gallo, S. Giuseppe al Duomo, Catania, 2007
Esserci, Padiglioneitalia, a cura di P. Daverio, Teatro Nuovo Montevergine, Palermo, 2007
Appunti per una scrittura mediterranea, a cura di G. Cristino e N. Granito, Centro Grafico Francescano, Foggia, 2007
T-Essere Reti di Pace, Galleria Provinciale d’Arte Moderna, Foggi, 2007
Composizioni 2007, a cura di G. Berruti, Palazzo Ducale, Genova, 2007
Percorsi incrociati 4, curata da V. Scorsone, Fondazione Mazzullo Palazzo Duchi di Santo Stefano, Taormina (ME), 2007
Partecipa a Trucioli d’Artista nel 2006 vincendo il primo premio “Maestro del legno” con l’opera Equi-libri.
Lillo Giuliana
Lillo Giuliana
TURISMOVEST - Via F.lli Piol, 8 10098 RIVOLI - Tel.+39 011 9561043 FAX +39 011 9534903 - P.IVA 08437240016