Manuel Ferraris
Artista lomellino, nasce a Mortara il 13 Marzo 1952. Sin dalla prima infanzia denota un’inclinazione verso l’arte manifestandola attraverso il disegno e i primi accenni d’intaglio, senza aver frequentato nessuna scuola, quindi da autodidatta. Crescendo, le forme espressive si fanno più definite e sfociano nella pittura ma soprattutto nella scultura, alla quale dedica a tempo pieno la sua esistenza. Partecipa a numerose mostre collettive e personali in diverse città della Liguria, Piemonte e Lombardia. Con la sua voglia di esprimere sempre cose nuove, nel 2000 si avvicina per la prima volta alle estemporanee di scultura lignea, materia più affine al suo temperamento di ambientalista convinto. Ritornato dopo molti anni a Mortara, nella casa dove mosse i primi passi, con spirito nuovo riparte in cerca di nuovi percorsi ed incontri con l’arte: è proprio in questo spazio che nascono le sue opere. Come Manueleria, un laboratorio che risulta in realtà un’istallazione permanente, dove riesce a restituire alle “cose” il loro spazio, recuperando le memorie e restituendo il giusto rapporto dell’uomo con quella che per lui è la più grande opera d’arte, sua musa ispiratrice e guida, la Natura. Il cinquantasettenne Ferraris è un artista originale, che si distingue per la sua personalissima visione dell’arte. Innanzi tutto, la scelta del legno è avvenuta dopo aver provato materiali e tecniche pittoriche fra i più svariati, ma solo attraverso il legno ha reso visibili le sue reali emozioni. La collocazione naturale delle sue sculture è nei parchi, nei giardini, in mezzo ai campi fra uccellini e altri animali, i quali, riconoscendo nel legno il loro “vecchio” albero, possono ancora posarsi sopra. Per Manuel l’arte dello scolpire è una necessità fisiologica: quando l’ispirazione lo coglie, vedendo un pezzo di legno, facendo una passeggiata in campagna, o semplicemente osservando le sue sculture, deve immediatamente mettersi a creare, realizzare l’opera per sentirsi bene. Per farlo usa le attrezzature più diverse, dalle seghe da falegname agli scalpelli dei più fini incisori.. Se in passato ha partecipato a molte estemporanee, ricevendo tanti prestigiosi riconoscimenti, ora vuole diradare le sue presenze: vuole essere libero di creare senza essere contaminato da idee esterne o peggio ancora essere soggetto ad un tema; l’arte deve scaturire pura e semplice per poi elevarsi nella sua forma migliore. Ogni tanto può capitare che realizzi opere su commissione: crocifissi lignei, Madonne, oppure mondine ed oche per i ristoranti, ma la sua arte vuole essere libera come il suo spirito: poter creare per il piacere di farlo. Ultimamente la sua arte si sta avvicinando al suono del legno. E’ successo inaspettatamente, è bastato il rumore di un legno caduto nel bosco, mentre cercava di rappresentare la luce del sole che entra nei filari dei pioppi, per dar vita ad un’opera di “luce e suoni”, una scultura che si possa anche suonare, che sembra ancora essere più viva. «Mi piace che la gente venga qui, nella mia Manueleria - dice l’artista - per vedere le opere senza che queste siano soggette a studi della critica, come avviene nelle gallerie d’arte». «Una scultura deve piacere a pelle, dare delle sensazioni» e le opere di Manuel Ferraris, scultore del legno, le sensazioni le sanno trasmettere.
Tra i molti premi vinti ricordiamo:
Primo premio alla IV Estemporanea di scultura, Varallo Sesia (VC), 2000
Terzo premio ad Arteinlegno, Mondovì (CN), 2000
Primo premio alla II Estemporanea di scultura, Macugnaga (VB), 2001
Primo premio a Il legno può vivere per sempre, Gambolò (PV), 2002
Primo premio a La Sgorbia , Torino, 2003
Primo premio alla VIII Estemporanea di scultura, Varallo Sesia (VC), 2004
Primo premio al IV Concorso estemporaneo, Brenta (VA), 2004
Partecipa a Trucioli d’Artista nelle edizioni del 2003, 2004, 2005 e 2007. Nel 2003 arriva quarto mentre nel 2007 vince il primo premio “Artista del legno” con l’opera Le pari opportunità.
Manuel Ferraris
Manuel Ferraris
TURISMOVEST - Via F.lli Piol, 8 10098 RIVOLI - Tel.+39 011 9561043 FAX +39 011 9534903 - P.IVA 08437240016